Balossa White Shirt: quando la camicia bianca ha un tocco in più

balossa 3

Scrivere di moda mi è sempre piaciuto, e quando incontri giovani brand interessanti e creativi è davvero un piacere poter raccontare la loro storia. Il White Trade Show è il “trampolino di lancio” per eccellenza dei fashion designer che si stanno affacciando sul mercato italiano ed internazionale.

Proprio al White ho avuto il piacere di conoscere Indra Kaffemanaite, brillante stilista di origine lituana, ideatrice del marchio Balossa White Shirt. Il fulcro del lavoro di Indra è già ben identificato nel nome del brand: la camicia bianca, capo must del guardaroba di ogni donna. Elegante, super sensuale e minimal al tempo stesso: la collezione autunno/inverno 2015- 2016 di Balossa è contemporanea senza essere mai scontata. Venticinque camicie uniche e completamente diverse tra loro, caratterizzate da tagli sbieco, drappeggi, asimmetrie, scollature profonde sulla schiena, colletti arricciati e rouches, per un look deciso e sempre femminile. Pregiatissimi i cotoni stretch utilizzati per realizzare le creazioni, rigorosamente made in Italy. I colori? Bianco ghiaccio, blu notte e avio.  Per creare le camicie più elaborate, la stilista si è affiancata a Shingo Sato, un maestro giapponese conosciuto per la sua tecnica “transformational reconstruction”. Sotto la sua guida, ha messo a punto complicate tecniche di origami e di plissettatura con effetti 3D.

Ho scambiato quattro chiacchiere con Indra, ecco cosa mi ha raccontato:

Com’è cominciata la tua avventura nel mondo del Fashion Design?

L’idea del brand nasce molti anni fa, avevo sempre in testa la camicia bianca perché non trovavo mai quella adatta, sia per la qualità che per il prezzo. La camicia è un ‘chiodo fisso’ da tempo. L’amore per la moda, invece, è nata da quando ero bambina. Mi piaceva creare abiti e lo facevo con i materiali che si avevano a disposizione al tempo dell’Unione Sovietica, ovvero quasi con niente. I tessuti erano davvero pochi. Sono arrivata in Italia per altre esperienze lavorative ma la moda rimaneva una mia grande passione così mi sono iscritta ad una scuola di moda, ho avuto una bella esperienza con il designer giapponese Shingo Sato, arrivando prima su 300 ad un concorso: ho avuto la spinta per creare questo brand e iniziare la mia avventura.

La tua collezione, infatti, ha dei richiami allo stile lineare giapponese ma con un tocco in più…

Si, per quando riguarda i dettagli delle camicie volevo giocare con le costruzioni a scatola, gli origami, le carte sovrapposte e piegate, utilizzando la tecnica giapponese di costruzione degli abiti. Ho sperimentato un po’ tutto ciò che sapevo fare in questa collezione, sicuramente le prossime creazioni avranno un concetto più preciso.

A cosa ti sei ispirata per creare queste camicie?

Sicuramente più che su un’ispirazione ben precisa ho voluto puntare sulla sperimentazione. Gli elementi che caratterizzano le camicie sono gli origami e le carte, che si possono trovare sulla schiena sul colletto o piegate a modi rouches

Cos’è per te la camicia bianca?

E’ senso di purezza. E’ un capo che non nasconde nulla. Ispira un senso di pulito, di eleganza, di classe. Potendo giocare con le forme, diventa anche un indumento di tendenza, contemporaneo e versatile. Per me è sicuramente il capo d’abbigliamento più importante.

C’è una star che ti piacerebbe indossasse le tue camicie?

Sono molto affascinata dalle top model degli anni ‘80 e ‘90. Mi piacerebbe vedere una mia camicia indossata da Nadège o Amber Valletta, che oggi non sono più modelle ma donne bellissime. Sarebbe davvero un sogno!

balossa 2

balossa 4

Balossa 5

Annunci

2 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...